x

x

COPPIA GAY ORDINA LE PARTECIPAZIONI PER LE NOZZE, RICEVE CARTOLINE OMOFOBE

primo piano di una coppia omosessuale

 

Andrew e Stephen hanno denunciato l’accaduto alla stampa e fatto causa a Vistaprint, lo store che ha stampato le card.

Allibita e senza parole una coppia gay americana che si è vista recapitare a casa gli scatolini con le loro partecipazioni di matrimonio. Un momento di felicità che si trasformato, invece, in sconforto e rammarico. All’interno del pacco, infatti, c’erano delle card con delle scritte di chiaro carattere omofobo.

«Siamo rimasti profondamente sconvolti – hanno dichiarato Andrew e Stephen, le vittime di tale atto – Le parole, le immagini, erano violente, minatorie e offensive. È stato di gran lunga uno degli atti più omofobi che abbiamo mai vissuto».

LE FRASI OMOFOBE

Un vero caso di omofobia che ha fatto il giro del mondo. La coppia si è sposata lo scorso settembre, e dopo le nozze ha voluto raccontare l’accaduto alla stampa.

I biglietti, acquistati online tramite lo store online leader nei biglietti e delle card, Vistaprint, riportavano delle chiare ed evidenti frasi di carattere omofobo, alcune ispirate alla religione. Tra queste: “Satana sa che la nostra carne è debole. Approfitta delle nostre debolezze per indurci al peccato. Satana però può solo tentarci, non può obbligarci al peccato”.

Inizialmente la coppia ha pensato che ci fosse stato un errore nella consegna del pacco; poi invece, come ha spiegato a Yahoo: «una volta viste le immagini e letto alcune di quelle frasi abbiamo capito che non le avevamo ricevute per caso o per sbaglio».

LA CAUSA VERSO VISTA PRINT

Tocca ora all’azienda Vistaprint difendersi e dare una spiegazione a quello che è successo. Andrew e Stephen, infatti, hanno fatto causa all’azienda, che dal canto suo risponde: «Vistaprint non discriminerebbe mai i propri clienti sulla base dell’orientamento sessuale. Capiamo quanto possa essere deludente ricevere materiali come questi prima di un matrimonio. Abbiamo immediatamente lanciato un’indagine interna».