x

x

Grande Fratello 2019, insulto omofobo nella casa

Grande Fratello 2019: parole omofobe da parte di un inquilino nei confronti di Cristian Imparato

Un grave insulto omofobo è volato all’interno della casa del Grande Fratello. La sedicesima edizione del reality più famoso di sempre è ora in onda su Canale 5. Al timone del programma Mediaset c’è la veterana Barbara D’urso. Tra i concorrenti invece, tra i più amati rientra sicuramente, il palermitano Cristian Imparato. Il 23enne è già noto al grande pubblico per aver vinto la seconda stagione della trasmissione Io Canto, gara canora condotta da Gerry Scotti. Nel talent show, in ogni puntata si sfidavano tra loro bambini prodigio. Il palermitano, appena varcata la celbre porta rossa, ha fatto parlare di sè. A pochi giorni dal suo ingresso nella casa più spiata di Italia, il giovane ha infatti fatto coming out, dichiarando la sua omosessualità.

https://www.instagram.com/p/BsaQyEQnICn/

Tra Cristian e un altro inquilino, Daniele Dal Moro, non scorre però buon sangue. Il veronese 29enne è un imprenditore con la passione dei fitness e dei videogiochi. Imparato ha già spedito il bel modello in nomination a causa di idee divergenti riguardanti la gestione del cibo. La polemica tra i due è scoppiata in uno scontro verbale violentissimo. Il veneto avrebbe inveito contro il siciliano dicendo:

Sei tu quello fissato con l’estetica, io mangio più di te e sono comunque due volte più figo di te. Fai poco il gradasso con me perché, credimi, ti mangio vivo!

https://www.instagram.com/p/BwoWiaSnZ5o/

 

Ma, a seguito di questa diatriba, la situazione sarebbe andata oltre. Daniele infatti, durante una chiacchierata con Valentina Vignali, avrebbe fatto riferimento al cantante come ad una “checca”. L’appellativo omofobo ovviamente ha generato le critiche da parte del pubblico in ascolto. Sul web i commenti impazzano e sono in moltissimi a chiedere l’espulsione dalla trasmissione del concorrente. Sicuramente la D’Urso, paladina dei diritti della comunità lgbtq, non farà cadere nel vuoto l’accaduto.